Prospettive

T. Campanella – Al carcere (1622)

Come va al centro ogni cosa pesante

dalla circonferenza, e come ancora

in bocca al mostro, che poi la devora,

donnola incorre timente e scherzante;

così di gran scienza ognuno amante,

che audace passa dalla morta gora

al mar del vero, di cui s’innamora,

nel nostro ospizio alfin ferma le piante.

Ch’altri l’appella antro di Polifemo,

palazzo altri d’Atlante, e chi di Creta

il laberinto, e chi l’Inferno estremo

(ché qui non val favor, saper, né pièta),

io ti so dir; del resto, tutto tremo,

ch’è ròcca sacra a tirannia segreta.

(Le poesie, a cura di F. Giancotti, Torino, Einaudi, 1998)

 

Il mondo del carcere è stato indagato non soltanto da studiosi, ma anche da letterati e artisti. Questa sezione tenta una sommaria ricognizione.

Sono graditissimi suggerimenti. Scrivere all’indirizzo: arturo.capone@unirc.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi